Entries tagged with 'residenze'

MER25GIU Volturnèe – Rassegna di Teatro Indipendente presenta: Milon Mela + Compagnia Sakuntala

  • giugno 18, 2014 17:09

Diapositiva1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mercoledi 25 Giugno dalle 21.00

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

Volturnèe – RASSEGNA DI TEATRO INDIPENDENTE

presenta:

▶ Milon Mela [ ARTI PERFORMATIVE DALL’INDIA ]

▶ Compagnia Sakuntala [ DANZA CONTEMPORANEA ]

——————————————————————

MILON MELA

L’intento è di presentare al pubblico europeo alcune delle
più antiche discipline dell’India ormai in via d’estinzione, caratterizzate da
tecniche performative altamente sviluppate e spettacolari. La carica
energetica, le acrobazie e la vivacità dei costumi catturano l’attenzione di
grandi e piccini in un crescendo di ritmi, colori, ed emozioni.
Nelle discipline tradizionali le pratiche rituali precedono e fungono da
preludio alle azioni drammatiche, OM SHANTI una delle più antiche invocazioni in Sanscrito dà inizio
allo spettacolo.
I musicisti Baul, con un accompagnamento musicale molto energetico aprono lo spettacolo; i loro
canti faranno da contrappunto a tutte le azioni drammatiche che seguiranno.
La danza classica Gotipua sembra riportarci all’interno degli antichi templi induisti. Le coreografie
caratterizzate da un delicato erotismo narrano le vicende d’amore tra Krishna e Rada mentre le
posizioni Yoga rievocano le sculture raffiguranti le più amate divinità dell’induismo.
Se la dolcezza e la gioia sono prerogative dei Baul e dei Gotipua, all’opposto si situa il Kalaripayattu;
davanti a noi sembrano rivivere antichi guerrieri che con un ricchissimo alfabeto di duelli a mani nude,
con bastoni, con spade e scudi provocano momenti di forte tensione drammatica. Insieme ai maestri
dell’arte marziale Kalaripayattu, un maestro di Hatha Yoga presenterà alcune asana tra le più
spettacolari ed esercizi particolarmente gravosi come quello di giacere su un letto di lame accuminate.
L’eco delle armi si è appena spento quando risuona il rombo dei giganteschi tamburi della danza
Chhau e multiformi divinità invadono la scena per narrarci uno dei più antichi miti dell’induismo: la
dea Durga, madre, protettrice e guerriera, cavalcando un leone e in compagnia dei propri figli,
sconfigge i demoni che si erano impadroniti del cosmo.
Lo spettacolo si conclude con l’ipnotica e suggestiva danza del fuoco del Kalaripayattu: fiaccole e
grandi fuochi rotenati su bastoni e lunghe catene, creano incantevoli fantasmagorie.
L’acme emotivo e sensoriale raggiunto durante tutto lo spettacolo, lascerà negli spettatori un ricordo
indimenticabile.

 

LINK:

—————————————————————–

COMPAGNIA SAKUNTALA

La compagnia, diretta da Aurora Pica, prende il nome dalla scultura di Camille Claudel,
omaggio della coreografa ad un’artista che considera fonte d’ispirazione per il singolare
rapporto che caratterizza il suo vissuto e la sua arte, per il modo di plasmare il suo mondo
interiore e dargli voce trasformandolo in composizioni scultoree dalla turbolenta quanto
interessante dinamicità.
Humus della compagnia è il tentativo di restituire autenticità al movimento rendendo il gesto,
mai scontato, capace di arrivare, in maniera limpida ed immediata, ad un pubblico vario e
differenziato. L’intento è di costruire un ponte sempre vivo basato sulla partecipazione attiva
e sulla comprensione piena delle scene e delle situazioni presentate di volta in volta.
Il percorso creativo è incentrato sull’intensità interpretativa che mira a dare spessore alla
personalità dell’interprete, in modo che scene e situazioni possano acquistare una
dimensione tanto più verosimile quanto più incisiva e comunicativa.
La volontà della coreografa è di rendere il vissuto scenico capace di smuovere l’animo dello
spettatore e del danzatore stesso attraverso un corpo che diventa voce senza suono, silenzio
parlante, movimento che si fa parola. Obiettivo ultimo della Compagnia è farsi portavoce di messaggi e spunti di riflessione di
carattere socio-culturale.

SAGLIE SAGLIE

Secolare capitale del Sud, città del mare e del sole,
decantata da artisti e poeti, Napoli è la protagonista
del nuovo racconto della Compagnia Sakuntala:
“Saglie Saglie”.
Una consueta descrizione o il tentativo di aprire una
nuova finestra da cui osservare gli intrecci e le
pulsazioni della città partenopea?
Motore vitale è il carattere della donna meridionale, il
suo temperamento e le sue virtù costituiscono un
propulsivo leitmotiv attraverso cui percorrere le trame
di una città densa di tradizione e cultura.
La volontà della compagnia è quello di fornire uno
sguardo privo dei filtri, talvolta di condanna, talvolta di
banalizzazione, con cui oggi si guarda una città che,
invece, serba un tesoro storico-culturale da riscoprire.
Un omaggio ad una città che ha saputo trasformare le sue debolezze e i suoi ritardi in un
affascinante segno di riconoscimento.

LINK:

http://compagniasakuntala.jimdo.com

————————————————————-

EVENTO FB

SOTTOSCRIZIONE 3 EURO

————————————————————–

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

via volturno 37 [metro A/B termini, tanti notturni]

 

VEN16MAG – MAGNO, BEVO E LOTTO CONTRO STO’ TRENO…e poi teatro

  • maggio 13, 2014 01:41

magno16

Venerdi 16 Maggio

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO
★—————————————————–★
cena a sostegno delle spese legali per i processi notav dei\delle compagn@ di roma…

durante la serata :

CANCRENA – autoproduzione  di Teatro delle Viti

CANCRENA è un esperimento di site specific theatre.
Abita i luoghi in cui si verifica facendosi influenzare e contaminare da essi.
I racconti, a contenuto civile, nascono come muffe da una cornice di morte e di decomposizione.
Il pubblico è condotto in questo viaggio da un essere senza volto e da una drammaturgia visuale e sonora, una tessitura di suoni e brandelli di discorsi senza tempo e luogo.
Nel viaggio si fanno incontri, si ascoltano storie. C’è solo un’offerta di suggestioni.
Al pubblico il compito di interrogarle e di interpretarle.

CANCRENA
Produzione Teatro delle Viti

di e con
Antonio Careddu
Eugenio Coppola
Francesco Mastroianni
Chiara Poletti

Visual
Ambra Nobile

Drammaturgia sonora
Axismundi + Ron Grieco

Costumi
Viola Sartoretto

Con Simone Bobini

CANCRENA_LOCANDINA_02

★—————————————————–★

Dopo più di 20 anni di resistenza popolare,
la lotta NO TAV è diventata la lotta di tutti e tutte
coloro che si battono contro la follia devastatrice
di questo sistema basato sui profitti. Ma una lotta forte non può
che dare fastidio a quelle istituzioni la cui unica funzione è
proprio proteggere quei profitti. Perciò in questi anni in tutta
Italia e non solo, centinaia di persone stanno facendo i conti
in vari modi con la repressione…e con le relative spese legali!
Da ora in avanti gli inquisiti NO TAV romani si mettono ai
fornelli, assieme a tanti e tante solidali per dare vita
nella città di roma ad una cassa comune a sostegno delle spese
legate ai vari processi notav; ma soprattutto nel farlo
vogliamo ritrovare ogni settimana quello spirito che
è la forza del movimento NO TAV, la condivisione dal basso,
la socialità libera e sincera di chi vuole un mondo completamente
diverso da questo e si impegna ogni giorno per costruirlo.
Le esperienze di ogni giorno ci insegnano che non c’è lotta senza
allegria, e allora anche di fronte ai guai teniamo alto il morale,
continuiamo a cospirare per lottare contro il TAV,
affondiamo la forchetta nel piatto e alziamo il bicchiere per
brindare alla libertà di tutti e tutte!

…stay tuned, stay NO TAV!

NO TAV LIBERI TUTTE

EVENTO FACEBOOK

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

via volturno 37 [metro A/B | tanti notturni ]

 

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 6 # e # 7 #

  • maggio 3, 2014 00:51

STANZE56

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DOMENICA 4 MAGGIO ore 18.00

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 6 # e # 7 #

 

“Stanze Teatrali Volturno” è il progetto che coinvolge tutte e tutti i partecipanti del bando di residenze teatrali promosso dal CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO, incentrato sulla diffusione di cultura indipendente e sulla partecipazione delle compagnie alla vita socio-politica dello spazio; basato sul concetto che ogni residenza è riappropriazione di uno spazio e di un momento necessario alla crescita personale, collettiva e culturale di chi la pratica. Non è una buona occasione, né tanto meno una vetrina, ma luogo di partecipazione, relazione e condivisione.
Al termine di ogni residenza ogni compagnia/artista presenta una dimostrazione, prova aperta o spettacolo del lavoro svolto nello spazio. Un’occasione per esprimere contenuti ed emozioni e, successivamente, discutere insieme della coltivazione e del frutto delle attività eseguite durante la residenza.

DOMENICA 4 MAGGIO ore 18.00

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 6 # e # 7 #

LUNAIF in “AFINIDAD” e ZANFRETTA TEATRO in “IN MISERIA”

 

– LUNAIF in “AFINIDAD”

I performer LUNAIF professionisti di circo contemporaneo, condotti da Paola Silvana Resurreccion danzatrice, attrice, insegnante di danza sui trampoli e teatro danza
d’improvvisazione e Antonello Casalini, trampoliere, attore e maestro di tango argentino, raccontano in una mescolanza acrobatica e sorprendente di tecniche diverse, le mille sfumature dell’AFFINITA’ che si conquista e si perde, che si confonde e si riscopre all’interno e intorno ad una storia di coppia.

– ZANFRETTA TEATRO in “IN MISERIA”

“In Miseria” è un progetto portato avanti da Maria Luisa Usai e Irene Maiorino, due autrici e attrici. Nella residenza al Volturno Occupato sono in lavorazione due lavori: “Giulietta delli fiori” e “Madame Misère”, si tratta di due performance/spettacoli accomunati dal tema della miseria.

Giulietta delli Fiori è un monologo nato dalla vita, quella sotto i cavalcavia, vicino alla stazione, ai bordi del fiume. Davanti al degrado che anima le strade della capitale è nata l’immagine di Giulietta Delli Fiori. Di miseria, in miseria, senza compatirla né pubblicizzarla. Il testo originale parla di quella vita che scorre e passa, che vedi mentre sei seduto sull’autobus, che ascolti nelle chiacchere di tua madre che ti racconta del vicino. In questo spettacolo questa esistenza rivive, trasfigurata, resa ironica e impossibile, ma sempre vicina al marciapiede, dove siede Giulietta.

Madame Misere è un testo scritto e interperetato a quattro mani, anche quì le due protagoniste
cercano una via di fuga dalla metropoli dove tutti si accalcano e nessuno sa cosa cerca.
Le due donne si tengono compagnia nell’attesa di ritornare a casa, di ritrovare il modo e i mezzi per
tornare indietro, dalla mamma, laddove sono partite.
Entrambe vogliono abbandonare la capitale, dove prima una cercava l’oro nel Tevere e l’altra
l’amore sulla Casilina. Accecate dal luccichio di metalli e semafori rossi decidono di percorrere un
tratto di cammino insieme.

 

sottoscrizione libera
CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO
via volturno,37 [metro A/B termini]

 

RISULTATI BANDO RESIDENZE CREATIVE – part2

  • marzo 25, 2014 13:29

A fronte di diverse proposte arrivate, abbiamo privilegiato proposte di:

 

1. Compagnie più numerose

2. Compagnie che ci sembrava proponessero un lavoro su temi contemporanei o, comunque, di più precipuo interesse sociale.

3. Compagnie che lavoravano a progetti in partenza, in via di formazione e non a spettacoli già esistenti.

 

Detto ciò ringraziamo di cuore tutte le compagnie che hanno voluto partecipare, le invitiamo a non perdere il contatto con noi e a vivere questo spazio non solo come un agglomerato di mura, ma come una casa viva nella quale si fanno cose.

E a questo scopo:

a. le avvisiamo che le inseriremo in una newsletter (dalla quale, ovviamente, se vorranno potranno sfilarsi) che verrà utilizzata per informarle degli appuntamenti teatrali, culturali e politici del Volturno

b. che li invitiamo a vedere le dimostrazioni di lavoro di fine residenza che faranno le compagnie che sono state selezionate grazie a questo bando; dimostrazioni che hanno lo scopo di mettere in comune e in discussione l’esperienza fatta al Volturno e quindi, appunto, di renderlo non solo “sala di prova” ma soprattutto “casa abitata”.

 

COMPAGNIE SCELTE:

Teatro delle viti  7/4-20/4
Compagnia Zanfretta 21/4 – 4/5
Compagnia Sakuntala 5/5 – 18/5

 

Grazie a tutt*

il collettivo del CineTeatroVolturnoOccupato

 

2fase – BANDO 2013/2014 RESIDENZE TEATRALI CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

  • marzo 7, 2014 02:01

001

Bando Residenze teatrali al Volturno

2013-2014 (seconda tappa)

+

PROGETTO FESTIVAL DELLE RESIDENZE

(fine maggio maggio 2014)

Il Volturno occupato prosegue la stagione delle residenze teatrali iniziate a fine 2013 con una nuova tranche dal 24 Marzo al 18 Maggio  .

Il collettivo che ha occupato questo splendido spazio perché fosse restituito alla città come centro di cultura alternativa ed indipendente, luogo di condivisione sociale e riflessione politica, comunica alle compagnie autoprodotte di teatro che la sala del Cine Teatro Volturno Occupato è aperta alle prove delle stesse e le invita a partecipare al bando in oggetto.

Lo fa per una serie di ragioni.

Perché il Volturno è uno spazio di tutte e tutti coloro che intendano attraversarlo, godendo delle notevoli potenzialità ivi presenti, partecipando ai momenti di autogestione e avendo cura del buono stato della struttura.

Perché la vocazione teatrale di Roma, da almeno una trentina di anni, per colpevole politica culturale di chi l’ha governata (che ha finanziato quasi esclusivamente rassegne ed “eventi”), è stata quella di posto dove distribuire, dove mostrare, dove mettersi e mettere in “vetrina”. E questo a discapito degli investimenti sulla produzione, incentivando la produzione solo con la creazione di un mercato fittizio, drogato dai bandi, instabile e per ragione di cose, dominato da logiche servili e clientelari. Pensiamo invece che le persone crescano creando e che sia necessario ridare fiato, aiutare la produzione e la ricerca. La praticabilità di questo spazio, il suo non pretendere in cambio di questa praticabilità alcun prodotto, ma solo uno scambio di esperienze (v. sotto), vuole incentivare quindi il lavoro creativo e disinnescare la paranoia dimostrativa e da piazzista che spesso angustia gli operatori teatrali.

Perché mettendo in comune questo spazio di prove si fa dumping rispetto a chi invece tende a capitalizzare quelli che ha. Si sottraggono risorse alle rendite immobiliari restituendole ai lavoratori del teatro perché li usino per loro. Si tratterà di un’operazione di piccola entità, nel panorama complessivo della città, ma sappiamo che non è piccola cosa nella coscienza e nelle tasche di chi fa teatro e usufruisce di questa possibilità.

Perché ci teniamo a condividere la possibilità di partecipare alla vita e alla cura dello spazio, di stare in un processo di autogestione, e attraverso questo, di riprendersi una parte di quel protagonismo sociale che è diritto di ogni cittadino e del quale la società nella quale viviamo tende sistematicamente a privarci.

Quando

Il progetto delle residenze quest’anno si è articolato in due fasi. La prima si è già tenuta ed è stata dall’ultima settimana di settembre a metà novembre 2013. Col presente bando si dà avvio alla seconda fase che si svolgerà dal 24 marzo al 18 maggio 2014.

Le compagnie possono richiedere lo spazio per le prove e i laboratori (nel momento in cui questi sono effettivamente laboratori, cioè momenti di ricerca teatrale da parte di tutti i partecipanti, e non quando sono seminari a pagamento) per un tempo minimo di una settimana e massimo di un mese (4 settimane). Lo spazio sarà disponibile dalle 9,30 alle 17,00 dal lunedì al venerdì.

Cosa si offre ai partecipanti.

La disponibilità dello spazio del Volturno per le prove.

Lo spazio è dotato di un’illuminazione diffusa fissa e di una cassa acustica abbastanza potente.

Si offre la possibilità di partecipare attivamente al primo FESTIVAL DELLE RESIDENZE.

Cosa si richiede e cosa non si richiede ai partecipanti.

Non si richiedono soldi.

Si richiede di rispettare il codice di comportamento affisso in bacheca e/o inviato via mail.

Si richiede, concretamente, di curare lo spazio come se si fosse ospitati temporaneamente a casa di una persona a cui si tiene. Il che significa: pulirlo autonomamente, lasciarlo al meglio di come si può e tendenzialmente sempre meglio di come lo si è trovato, evitare sprechi e imprudenze, chiudere spazi di cui, eventualmente, è stata data la chiave, comportarsi responsabilmente in caso di emergenze, non dilapidare il patrimonio che vi si trova e se si rompe qualcosa aggiustarla.

Si richiede ai residenti, a tutti i membri della compagnia in residenza, una mezza giornata di lavoro per il Volturno ogni settimana di residenza.

Ogni compagnia dovrà avere UN (e UNO SOLO) referente organizzativo, deputato a tenere i contatti col collettivo del Volturno. Si richiede a questo referente di aggiornarsi sull’attività del Volturno e partecipare alle assemblee per il periodo in cui è residente. Ciò nonostante è auspicabile una partecipazione ampia dal resto della compagnia.

 

Scadenza del bando e requisiti per parteciparvi.

I termini per la presentazione della richiesta di partecipazione bando scadono il 15 marzo 2014.

E’ necessario mostrare, tra le 15 e le 17 della domenica successiva all’ultimo giorno di residenza, una prova aperta sul lavoro fatto (prova aperta che può durare anche pochi minuti). Questa prova aperta è proprio una prova aperta e le sue caratteristiche saranno decise dalla compagnia stessa in base ai risultati raggiunti. Può essere un training, una scena con le interruzioni del regista, una serie di scene, uno spettacolo vero e proprio… Come vuole la compagnia.

Non ci sono altri requisiti, a parte il fatto che la compagnia non sia finanziata con fondi FUS e che sia priva di sede stabile a Roma. L’assemblea del Volturno tenderà, comunque, a favorire (pur senza farsene un obbligo) quei progetti sui quali non siano stati erogati finanziamenti specifici. È obbligo pertanto delle compagnie, comunicare al collettivo del Volturno l’eventuale presenza di finanziamenti erogati per il progetto proposto.

Come ricorda il codice di comportamento, questo non è uno spazio apolitico. Per cui nella selezione, che è a insindacabile discrezione dell’assemblea di gestione del Volturno, è chiaro che una residenza su un testo che esalta le imprese della Decima Mas, così tanto per fare un esempio, non ha alcuna probabilità di essere accettato.

Come partecipare al bando

Le compagnie che intendono partecipare al bando devono inviare per mail a arteatrovolturno@inventati.org la richiesta con una presentazione del progetto (lunghezza massima due cartelle, per favore) e una presentazione della compagnia o dei suoi elementi principali e/o della sua poetica e attività (anche qui non più di 4 cartelle, per favore). L’oggetto della mail dovrà indicare la seguente dicitura: “PROPOSTA RESIDENZA”.

Va, ovviamente e obbligatoriamente, indicato il periodo richiesto e l’orario.

Va indicato se il progetto gode già di finanziamenti pubblici oppure no.

Sono gradite informazioni sul tipo di presentazione finale che si intende fare, sulle caratteristiche del pubblico che si intende invitare e sull’eventuale politica di comunicazione che si intende adottare in vista di questa performance.

N.B. Il Volturno è uno spazio occupato politicamente attivo. E’ possibile (è già successo, sia pure solo rare volte) che eventuali emergenze politiche, fatti imprevisti e urgenti, vadano ad incidere sul regolare scorrere degli appuntamenti laboratoriali richiedendo l’utilizzo dello spazio del Volturno per altre attività e iniziative. In questo caso si richiede alle compagnie di accettare con buona pace e sorriso (e se magari gli va anche con spirito di condivisione e partecipazione) questa interruzione del lavoro.

 

IL FESTIVAL DELLE RESIDENZE

Alla fine del periodo dedicato alle residenze, al Volturno si svolgerà un festival.

Questo festival, il cui programma nei dettagli è da definire (e sarà definito insieme nei prossimi mesi, con il concorso e la partecipazione delle compagnie selezionate da questo e dal precedente bando) prevede un periodo che va da cinque a dieci giorni, a fine maggio-inizio giugno in cui le compagnie che hanno fatto le residenze al Volturno nel 2013-2014 vivranno questo spazio e lo animeranno, sia scambiando tra loro esperienze, sapienze e conoscenze che trovando momenti di apertura alla città con iniziative collettive e/o curate dalle singole compagnie (conferenze, prove aperte, spettacoli, ecc.)

Il FESTIVAL DELLE RESIDENZE è una tappa ulteriore nel percorso politico e culturale che il Volturno occupato svolge in ambito teatrale. Se IL BANDO DELLE RESIDENZE sostiene la crescita della ricerca e della produzione artistica indipendente attraverso la possibilità di utilizzare per le prove e di vivere questo splendido spazio – e quindi attraverso il rapporto con questa architettura e con la partecipazione al processo di gestione del Volturno, abitato da tante istanze artistiche e politiche, da tante lotte che si svolgono nella città -, il FESTIVAL DELLE RESIDENZE si pone altri obiettivi, e cioè: 1. stimolare una crescita di sapienze specificamente performative attraverso gli scambi artistici tra le compagnie 2. attraverso i momenti di discussione, tavole rotonde tematiche e attraverso l’esperienza della gestione comune del festival stesso, promuovere una crescita di conoscenze e coscienze relative sia alle intersezioni del teatro con la vita della città che al funzionamento e alla crescita dell’arte indipendente e dei centri che la producono (e/o che sono da lei abitati).

ven29nov – STANZE TEATRALI VOLTURNO # 5 #

  • novembre 27, 2013 23:21

TERMINI

VENERDI 29 NOVEMBRE ore 18.00

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 5 #

 

“Stanze Teatrali Volturno” è il progetto che coinvolge tutte e tutti i partecipanti del bando di residenze teatrali promosso dal CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO, incentrato sulla diffusione di cultura indipendente e sulla partecipazione delle compagnie alla vita socio-politica dello spazio; basato sul concetto che ogni residenza è riappropriazione di uno spazio e di un momento necessario alla crescita personale, collettiva e culturale di chi la pratica. Non è una buona occasione, né tanto meno una vetrina, ma luogo di partecipazione, relazione e condivisione.
Al termine di ogni residenza ogni compagnia/artista presenta una dimostrazione, prova aperta o spettacolo del lavoro svolto nello spazio. Un’occasione per esprimere contenuti ed emozioni e, successivamente, discutere insieme della coltivazione e del frutto delle attività eseguite durante la residenza.

DOMENICA 29 NOVEMBRE ore 18.00

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 4 #

LE API FANNO IL MIELE in TERMINI D’AMORE

 

TERMINI D’AMORE Progetto di ricerca teatrale sulla Stazione Termini. Studio n°1. LeApiFannoilMiele.

Tu mi devi solo raccontare la mia leggenda.

D’inverno cominciammo a costruire un casa …

È’ tutto già lì, la stazione fa teatro da sé.

Cosa hanno in comune le persone a Termini? Vanno. Cosa hanno in comune le cose a Termini? Stanno.

Che ci fai qui? Guardo.

È polvere, si perde, vola, s’illumina, parla.

Certe volte mi sembra proprio che ci siamo. Allora mi sento tutto strano. Come dire? Sollevato, ma al tempo stesso…spaventato. SPA-VEN-TA-TO Questa poi!

Forse la amo davvero.

Termini, in altri termini…amore.

 

sottoscrizione libera
CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO
via volturno,37 [metro A/B termini]

 

dom17nov – STANZE TEATRALI VOLTURNO # 4 #

  • novembre 17, 2013 15:35

mangiauova

DOMENICA 17 NOVEMBRE ore 18.00

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 4 #

 

“Stanze Teatrali Volturno” è il progetto che coinvolge tutte e tutti i partecipanti del bando di residenze teatrali promosso dal CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO, incentrato sulla diffusione di cultura indipendente e sulla partecipazione delle compagnie alla vita socio-politica dello spazio; basato sul concetto che ogni residenza è riappropriazione di uno spazio e di un momento necessario alla crescita personale, collettiva e culturale di chi la pratica. Non è una buona occasione, né tanto meno una vetrina, ma luogo di partecipazione, relazione e condivisione.
Al termine di ogni residenza ogni compagnia/artista presenta una dimostrazione, prova aperta o spettacolo del lavoro svolto nello spazio. Un’occasione per esprimere contenuti ed emozioni e, successivamente, discutere insieme della coltivazione e del frutto delle attività eseguite durante la residenza.

DOMENICA 17 NOVEMBRE ore 18.00

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 4 #

COMPAGNIA ACCORGRUPPO in MANGIAUOVA

 

MANGIAUOVA, testo Duccio Raffaelli, regia Greta Bacchini.
Oggi la società è liquida. E’ impalpabile. Mutevole, informe. Chi è, Qual è oggi il nemico?
Nella Russia di Bulgakov o in una qualsiasi dittatura, riconoscere il nemico è facile perché è fisico e riconoscibile. Il
nemico di oggi è spietato, silenzioso perché non ha un nome, non ha un’identità precisa, risponde ad una
molteplicità di io, è appunto liquido. E Genera PAURA. Viviamo in una gabbia e non riusciamo a vederne le sbarre.
MANGIAUOVA è una scherzosa allegoria; perché solo l’ironia ci aiuterà a comprendere la crudezza della tragedia
che la vita inscena ogni giorno. E’ un carnevale di italianità e costume; la rappresentazione di un’abitudine destinata
a contagiare ogni cosa. Un contagio che solo la mano del Cielo può stroncare. La Natura, madre, farà calare il sipario
sul teatrino di una società inadatta e incompetente; lo farà nel sangue attraverso la morte e la resurrezione. Perché
Mangiauova siamo noi. Siamo tutti noi. In grado di perdere in qualsiasi istante, il contatto con la natura delle cose. E’
il nostro bambino che abbiamo perso, l’importanza delle nostre radici. E’ mia cugina di sei anni che è convinta che il
latte nasca nel tetrapak, la carne nel polistirolo e i pomodori nelle casse. Sono i primogeniti degli anni ’90 e che negli
anni ’90 erano già consumati. Sono i figli della politica moderna e il largo consenso che alza le braccia nelle piazze.
Siamo noi che dimentichiamo il presente e lo viviamo in funzione di un futuro, che non vediamo. Tu sei un
mangiauova e lo sono anche io.
Quelli che, come scriveva Eugene Ionesco, hanno dimenticato: “L’avvenire è nelle uova”.

 

PER MAGGIORI INFO : https://www.facebook.com/compagniaACCORGRUPPO

 

sottoscrizione libera
CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO
via volturno,37 [metro A/B termini]

dom3nov – STANZE TEATRALI VOLTURNO # 3 # CIRCOMARE TEATRO

  • ottobre 30, 2013 10:21

circomare

DOMENICA 3 NOVEMBRE ore 18.00

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 3 #

 

“Stanze Teatrali Volturno” è il progetto che coinvolge tutte e tutti i partecipanti del bando di residenze teatrali promosso dal CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO, incentrato sulla diffusione di cultura indipendente e sulla partecipazione delle compagnie alla vita socio-politica dello spazio; basato sul concetto che ogni residenza è riappropriazione di uno spazio e di un momento necessario alla crescita personale, collettiva e culturale di chi la pratica. Non è una buona occasione, né tanto meno una vetrina, ma luogo di partecipazione, relazione e condivisione.
Al termine di ogni residenza ogni compagnia/artista presenta una dimostrazione, prova aperta o spettacolo del lavoro svolto nello spazio. Un’occasione per esprimere contenuti ed emozioni e, successivamente, discutere insieme della coltivazione e del frutto delle attività eseguite durante la residenza.

DOMENICA 3 NOVEMBRE ore 18.00, non c’è 2 senza 3!!!

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 3 #

CIRCOMARE TEATRO

“LA NUOVA VITA DI ISANDRELLA”

La compagnia Circomare Teatro costruisce i suoi spettacoli in strada insieme ad un pubblico eterogeneo che, nel tempo, fa evolvere lo spettacolo. In questa accasione presenta una prima prova aperta di “la nuova vita di Isandrella”, commedia dell’arte ispirata alla contemporaneità in cui le vicende private dei personaggi si intrecciano con i cambiamenti della società. A fine spettacolo la compagnia sarà contenta di ascoltare i pareri e i suggerimenti del pubblico.

PER MAGGIORI INFO : http://www.circomareteatro.it/

 

sottoscrizione libera
CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO
via volturno,37 [metro A/B termini]

BANDO 2013/2014 RESIDENZE TEATRALI CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

  • settembre 12, 2013 23:42

001

Bando Residenze teatrali al Volturno

2013-2014

 

Il Volturno occupato inaugura con questa stagione le residenze teatrali.

Il collettivo che ha occupato questo splendido spazio perché fosse restituito alla città come bene comune con vocazione culturale comunica alle compagnie autoprodotte di teatro che questa sala è disponibile per provare e le invita a partecipare al bando.

Lo fa per una serie di ragioni.

Perché il Volturno è un bene comune, sottratto alla speculazione e al profitto mediante un preciso atto politico, e vogliamo che sempre più persone possano parteciparlo, possano godere di questo spazio, affinché si comunichi alla cittadinanza che, attraverso le pratiche dell’autogestione e dell’autorganizzazione, è possibile una gestione altra delle relazioni sociali, antagonista ad un modello gerarchico basato su rapporti di forza di tipo economico, sociale e/o culturale.

Perché la vocazione teatrale di Roma, da almeno una trentina di anni, per colpevole politica culturale di chi l’ha governata (che ha finanziato quasi esclusivamente rassegne ed “eventi”), è stata quella di posto dove distribuire, dove mostrare, dove mettersi e mettere in “vetrina”. E questo a discapito degli investimenti sulla produzione, incentivando la produzione solo con la creazione di un mercato fittizio, drogato dai bandi, instabile e per ragione di cose dominato da logiche servili e clientelari. Pensiamo invece che le persone crescano creando e che sia necessario ridare fiato, aiutare la produzione e la ricerca. La praticabilità di questo spazio, il suo non pretendere in cambio di questa praticabilità alcun prodotto, ma solo uno scambio di esperienze (v. sotto), vuole incentivare quindi il lavoro creativo e disinnescare la paranoia dimostrativa e da piazzista che spesso angustia gli operatori teatrali.

Perché mettendo in comune questo spazio di prove si fa dumping rispetto a chi invece tende a capitalizzare quelli che ha, si sottraggono risorse alle rendite immobiliari restituendole ai lavoratori del teatro perché li usino per loro. Si tratterà di un’operazione di piccola entità, nel panorama complessivo della città, ma sappiamo che non è piccola cosa nella coscienza e nelle tasche di chi fa teatro e usufruisce di questa possibilità.

Perché ci teniamo ad offrire così, a chi viene, la possibilità di partecipare alla vita e alla cura dello spazio, di stare in un processo di autogestione, e attraverso questo, di riprendersi una parte di quel protagonismo sociale che è diritto di ogni cittadino avere e del quale la società nella quale viviamo tende sistematicamente a privarci.

 

Quando

Il bando quest’anno si articolerà in due fasce di periodi. La prima dall’ultima settimana di settembre a metà novembre. Dopo seguirà l’interruzione invernale (il Volturno è ancora privo di riscaldamento). E poi la seconda fascia da metà marzo a fine giugno. Le compagnie possono richiedere lo spazio per le prove e i laboratori (nel momento in cui questi sono effettivamente laboratori, cioè momenti di ricerca teatrale da parte di tutti i partecipanti, e non quando sono seminari a pagamento) per un tempo minimo di una settimana e massimo di un mese (4 settimane). Lo spazio sarà disponibile dalle 9,30 alle 17,00 dal lunedì al venerdì.

 

Cosa si offre ai partecipanti.

La disponibilità dello spazio del Volturno per le prove.

Lo spazio è dotato di un’illuminazione diffusa fissa e di una cassa acustica abbastanza potente.

 

Cosa si richiede e cosa non si richiede ai partecipanti.

Non si richiedono soldi.

Si richiede di rispettare il codice di comportamento affisso in bacheca e/o inviato via mail.

Si richiede, concretamente, di curare lo spazio come se si fosse ospitati temporaneamente a casa di una persona a cui si tiene. Il che significa: pulirlo autonomamente, lasciarlo al meglio di come si può e tendenzialmente sempre meglio di come lo si è trovato, evitare sprechi e imprudenze, chiudere spazi di cui, eventualmente, è stata data la chiave, comportarsi responsabilmente in caso di emergenze, non dilapidare il patrimonio che vi si trova e se si rompe qualcosa aggiustarla.

Si richiede ai residenti, a tutti i membri della compagnia in residenza, una mezza giornata di lavoro per il Volturno ogni settimana di residenza.

Ogni compagnia dovrà avere un referente(fisso) organizzativo, deputato a tenere i contatti col collettivo del Volturno. Si richiede a questo referente di aggiornarsi sull’attività del Volturno e partecipare alle assemblee per il periodo in cui è residente.

 

Scadenza del bando e requisiti per parteciparvi.

I termini per la presentazione del bando (relativamente alla periodo sino a metà novembre) scadono il 18 settembre.

E’ necessario mostrare, dopo aver concluso la residenza, una prova aperta sul lavoro. Questa prova aperta è proprio una prova aperta e le sue caratteristiche saranno decise dalla compagnia stessa in base ai risultati raggiunti. Può essere un training, una scena con le interruzioni del regista, una serie di scene, uno spettacolo vero e proprio… Come vuole la compagnia.

Non ci sono altri requisiti, a parte il fatto che la compagnia non sia finanziata con fondi FUS e che sia priva di sede stabile a Roma. L’assemblea del Volturno tenderà, comunque, a favorire (pur senza farsene un obbligo) quei progetti sui quali non siano stati erogati finanziamenti specifici.

Come ricorda il codice di comportamento, questo non è uno spazio apolitico. Per cui nella selezione, che è a insindacabile discrezione dell’assemblea di gestione del Volturno, è chiaro che una residenza su un testo che esalta le imprese della Decima Mas, così tanto per fare un esempio, non ha alcuna probabilità di essere accettato.

Come partecipare al bando

Le compagnie che intendono partecipare al bando devono inviare per mail(con oggetto: partecipazione bando) a arteatrovolturno@inventati.org la richiesta con una presentazione del progetto (lunghezza massima due cartelle, per favore) e una presentazione della compagnia o dei suoi elementi principali e/o della sua poetica e attività (anche qui non più di 4 cartelle, per favore).

Va, ovviamente e obbligatoriamente, indicato il periodo richiesto e l’orario.

Va indicato se il progetto gode già di finanziamenti pubblici oppure no.

Sono gradite informazioni sul tipo di presentazione finale che si intende fare, sulle caratteristiche del pubblico che si intende invitare e sull’eventuale politica di comunicazione che si intende adottare in vista di questa performance.

N.B. Il Volturno è uno spazio occupato politicamente attivo. E’ possibile (è già successo, sia pure solo rare volte) che eventuali emergenze politiche, fatti imprevisti e urgenti, vadano ad incidere sul regolare scorrere degli appuntamenti laboratoriali richiedendo l’utilizzo dello spazio del Volturno per altre attività e iniziative. In questo caso si richiede alle compagnie di accettare con buona pace e sorriso (e se magari gli va anche con spirito di condivisione e partecipazione) questa interruzione del lavoro.