Archives for maggio, 2014

CHIAMATA PERFORMATIVA s_TAZ_ione#1G

  • maggio 21, 2014 23:59

#23M

 

 

 

 

VENERDI 23 MAGGIO ore 18.00

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

CHIAMATA DI PARTECIPAZIONE ARTISTICA ALL’INIZIATIVA “s_TAZ_ione#1G”


Il 1 Giugno sarà una giornata di iniziative, organizzata per rivendicare la libertà del settore culturale, contestarne il suo stato precario, rifiutarne la sua sottomissione alle speculazioni del mercato. Ci saranno discussioni di riflessione e sensibilizzazione sul tema e l’attivazione di un piano di reazione. Saranno necessari interventi culturali tali da ribadire la nostra contrarietà al sistema attuale. Per questo ci rivolgiamo a tutt@ gli operatori e le operatrici culturali, affinché diano un contributo. Ci vediamo al Volturno Occupato, venerdì 23 maggio ore 18.00, per parlarne ed organizzarci insieme.

Di seguito l’evento facebook e la convocazione dell’iniziativa:

https://www.facebook.com/events/647982048624857/

Domenica 1 Giugno ci vediamo in uno dei tanti templi della speculazione urbana, luoghi solitamente tenuti sotto pesante coperta mediatica, che intendiamo invece segnalare e metterne in luce lo stato contrastante con i nostri diritti ad avere una vita dignitosa. Ci riappropriamo di uno spazio dove mettere in atto pratiche culturali indipendenti da dinamiche di massimizzazione del profitto, libere dal giogo economico che distrugge le nostre vite, trasformandole in codici a barre da passare sotto il lettore della cassa del superMERCATO.Con le forme che ci sono proprie, autogestite ed autorganizzate, discuteremo insieme delle condizioni di precarietà del mondo culturale e del suo assoggettamento alle “occasioni commerciali” proposte, se non imposte, dal grande carrozzone dell’intrattenimento. Parleremo inoltre della colata di cemento/debito/precarietà che quotidianamente si riversa sulle nostre esistenze. Evidenzieremo le contraddizioni e le speculazioni di un territorio, paradigma e simbolo di un malessere generale. Animeremo la “piazza sociale” riconquistata con spettacoli, concerti, performances, workshop, jam session, esposizioni, merende collettive e molto altro.


VENGHINO SIGNORI E SIGNORE!
VENGHINO NELLA METROPOLI RESISTENTE!

 

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

via volturno 37 [termini metro A/B]

LA MALA DISTRIBUTION – My Sexuality it’s Liquid it’s Living

  • maggio 16, 2014 23:43

 

flyer ok (1)

LA MALA DISTRIBUTION presenta:
————————————————————————
My Sexuality it’s Liquid it’s Living
————————————————————————
CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

La MALA DISTRIBUTION vi invita al secondo appuntamento della stagione con una rassegna di DUE GIORNI dedicata al cinema sommerso. “My sexuality it’s liquid it’s living” propone un approfondimento e una riflessione sulla sessualità e sul genere attraverso opere indipendenti e poco distribuite.

————————————————————————

PRIMO GIORNO —> dedicato al cinema del reale con documentari che trattano di bondage-sadomaso, fetish, performance art, porno al femminile, LGBT elders

PROGRAMMA:

h 19:30
▶ “Ein Wochenende in Deutschland” di Jan Soldat (Germania, 2013, 25′)

 

Due amici pensionati e uno slave. Bondage e sadomaso domestico. Microcomunità. Uno dei tanti fine settimana in Germania.

h 20:00
▶ Incontro con Le Ragazze del Porno: un progetto di cortometraggi porno d’autore girati da registe italiane.

h 20:30
▶ “Raunch Girl” di Giangiacomo De Stefano (Italia, 2011, 54′)

 

Un viaggio attraverso la creazione di un sito porno concepito da una ragazza di vent’anni, per raccontare gli elementi più caratterizzanti di un fenomeno nato in questi anni attraverso internet: la ricerca di popolarità e la velocità con la quale questa si può raggiungere. La generazione di Clara è anche questa.

h 21:30
▶ Incontro con la regista Silvia Maggi

h 21:45
▶ “Welcome Home” di Silvia Maggi (Germania, 2014,30′)

 

Il film racconta le vite di anziani LGBT, gli stessi che hanno lottato per liberarci dalle strutture normative con le rivoluzioni e manifestazioni negli anni ’70 e ’80 e che oggi si devono confrontare con la discriminazione a causa della loro età.

h 22:15
▶ Incontro con Michela Baldo, Rachele Borghi, Olivia Fiorilli che presentano il libro:
“Il re nudo- Per un archivio drag king in Italia”.
Un archivio fotografico, storico e critico sul fenomeno del drag king in Italia, con le voci e i volti delle protagoniste del mondo queer.

h 22:30
▶ “Too much pussy!” di Emilie Jouvet, Wendy Delorme (Francia/Germania, 2010, 80′)

Un road-movie che intende promuovere una sessualità aperta, un documentario esplicito sulle sfrenate avventure di sette donne impegnate in un tour di performance artistiche, che viaggiano su un camper attraverso l’Europa durante l’estate del 2009, ospiti dei palcosecnici di nightclubs e teatri a Parigi, Berlino, Stoccolma, ecc. Le ragazze sono militanti, artiste, scrittrici, musiciste, sex-workers e pornostar. Provengono dall’America e dall’Europa. Hanno vari dis-orientamenti sessuali e tendenze di genere.


————————————————————————

SECONDO GIORNO —> previsti due lungometraggi: un documentario e un film narrativo.
Due linguaggi e due chiavi di lettura per narrare l’identità di genere e i percorsi esistenziali di persone che soffrono la stigmatizzazione di una società sempre più conformista e chiusa

PROGRAMMA:

h 20:00
▶ “Regretters” di Marcus Lindeen (Svezia, 2011, 60′)

Orlando è stato uno dei primi casi di riassegnazione dell’identità di genere in Svezia. Mikael invece si è sottoposto all’operazione quando aveva già 50 anni. Orlando è oggi a suo agio in una condizione intermedia, Mikael vorrebbe disperatamente tornare indietro e annullare l’operazione chirurgica che l’aveva reso donna. Seduti l’uno di fronte all’altro, si raccontano le proprie vite, fatte di crisi, scelte, difficoltà e soprattutto errori.

 

Marcus Lindeen riesce a trattare un tema esplosivo con un rispetto e una partecipazione emotiva ammirevoli. Lasciando che Orlando e Mikael si confessino sogni, amori traditi, speranze e disillusioni, Regretters ci mostra quanto anche la ricerca di se stessi possa essere un processo che passa attraverso prove ed errori. Questa incredibile storia rivela alla fine il suo elemento più stupefacente: la sua rilevanza per ogni essere umano.

h 21:00
▶ “Laurence Anyways” di Xavier Dolan (Canada/Francia, 2012.

Negli anni novanta Laurence rivela nel giorno del suo trentesimo compleanno il suo desiderio di diventare una donna. La sua ragazza accetta di rimanere al suo fianco e l’anno successivo Laurence torna a lavorare come professore di letteratura, ma questa volta veste i panni di una donna. Inizia così una nuova vita, ma il peso dello stigma sociale, il rifiuto della famiglia e l’incompatibilità della coppia comincia a diventare un problema insormontabile. Xavier Dolan, definito dalla rivista “Variety”: “Enfant prodige canadese”, “cineasta che da anni colpisce e infiamma critica e pubblico”, a soli 24 anni con il suo quarto lavoro: “Tom à la ferme”,è il più giovane regista che abbia presentato un film alla Mostra del Cinema di Venezia vincendo il premio FIPRESCI. “Laurence Anyways” è stato presentato nella sezione “Un Certain Regard” del Festival di Cannes 2012, dove vince la Queer Palm.

————————————————————————

Sottoscrizione libera – Dalle 19 apericena
Per informazioni:
maladistribution@autoproduzioni.net
EVENTO FB
https://www.facebook.com/pages/Volturno-Occupato

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO
via volturno 37 [300m. Termini, metro A/B notturni]

SAB17MAG – “Volturneè” Rassegna di Teatro Indipendente – RESTIAMO UMANI di Ultimo Teatro

  • maggio 15, 2014 00:19

restiamo umani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Volturnèe – Rassegna di Teatro Indipendente

presenta:

RESTIAMO UMANI di “Ultimo Teatro” – ore 21 – CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

▶ RESTIAMO UMANI – Urla e lacerazioni dal Vittorio Arrigoni e dal Popolo Palestinese ◀

UltimoTeatro Produzioni Incivili (2010)

Con il sostegno di Spazio Liberato Ex Breda Est, Coordinamento Pistoiese per la  Palestina, Coordinamento PugliaPalestina.

Testi di Vittorio Arrigoni, Mhamoud Darwish, Elena Ferretti, Luca Privitera Diretto.

Interpretato e Musicato da Luca Privitera ed Elena Ferretti
Le parole di Restiamo Umani sono imbrattate di sangue, di fosforo bianco, di schegge esplosive, di
barriere, di volti segnati dalla sofferenza, di mani distrutte dall’odio. E’ una visione a frammenti che si articola come un “canto a due voci”, attraverso immagini, parole,
suoni e sensazioni apparentemente lontane ma legate tra loro da tutti quei messaggi che attraversano nella sua interezza, la vita e la morte.

Restiamo Umani è uno spettacolo “senza filtri”, “senza censure” o “parole di convenzione”!

Restiamo Umani è uno spettacolo più che corretto che chiarisce le idee pure a chi sa le cose o crede di saperle!

Restiamo Umani per continuare a parlare ancora di Palestina e del problema Israeliano-Sionista.

Restiamo Umani perché anche se i primi sono entrati a far parte dell’Onu come stato osservatore, per noi non è una soluzione, ma un modo come un’altro per dimenticare, non prendere decisioni, non prendere i dovuti provvedimenti!

Restiamo Umani perché nonostante le denunce di molti islamici, di molti ebrei e di molti cristiani, la seconda super potenza mondiale continua a sterminare uno dei popoli più stanchi, poveri e distrutti della terra!

Restiamo Umani perché non è una questione religiosa, ma di umanità, di coraggio, di etica, di vera democrazia!

Restiamo Umani per dire le cose come stanno.

Restiamo Umani è uno spettacolo che non rappresenta il punto di vista di giornalisti o artisti, ma di vere e proprie vittime del conflitto.

—————————————————————————————————————–

DURANTE LA SERATA:
– CENA PALESTINESE
– Approfondimento su:

“Stato della campagna BDS (boicottaggio, disinvestimento, sanzioni)” e “campagna NO ACEA NO MEKOROT” …. a cura di Stephanie Westbrook …

—————————————————————————————————————–

EVENTO FACEBOOK

SOTTOSCRIZIONE 3 EURO

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

via volturno 37 [Termini metro A/B, tanti notturni]

VEN16MAG – MAGNO, BEVO E LOTTO CONTRO STO’ TRENO…e poi teatro

  • maggio 13, 2014 01:41

magno16

Venerdi 16 Maggio

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO
★—————————————————–★
cena a sostegno delle spese legali per i processi notav dei\delle compagn@ di roma…

durante la serata :

CANCRENA – autoproduzione  di Teatro delle Viti

CANCRENA è un esperimento di site specific theatre.
Abita i luoghi in cui si verifica facendosi influenzare e contaminare da essi.
I racconti, a contenuto civile, nascono come muffe da una cornice di morte e di decomposizione.
Il pubblico è condotto in questo viaggio da un essere senza volto e da una drammaturgia visuale e sonora, una tessitura di suoni e brandelli di discorsi senza tempo e luogo.
Nel viaggio si fanno incontri, si ascoltano storie. C’è solo un’offerta di suggestioni.
Al pubblico il compito di interrogarle e di interpretarle.

CANCRENA
Produzione Teatro delle Viti

di e con
Antonio Careddu
Eugenio Coppola
Francesco Mastroianni
Chiara Poletti

Visual
Ambra Nobile

Drammaturgia sonora
Axismundi + Ron Grieco

Costumi
Viola Sartoretto

Con Simone Bobini

CANCRENA_LOCANDINA_02

★—————————————————–★

Dopo più di 20 anni di resistenza popolare,
la lotta NO TAV è diventata la lotta di tutti e tutte
coloro che si battono contro la follia devastatrice
di questo sistema basato sui profitti. Ma una lotta forte non può
che dare fastidio a quelle istituzioni la cui unica funzione è
proprio proteggere quei profitti. Perciò in questi anni in tutta
Italia e non solo, centinaia di persone stanno facendo i conti
in vari modi con la repressione…e con le relative spese legali!
Da ora in avanti gli inquisiti NO TAV romani si mettono ai
fornelli, assieme a tanti e tante solidali per dare vita
nella città di roma ad una cassa comune a sostegno delle spese
legate ai vari processi notav; ma soprattutto nel farlo
vogliamo ritrovare ogni settimana quello spirito che
è la forza del movimento NO TAV, la condivisione dal basso,
la socialità libera e sincera di chi vuole un mondo completamente
diverso da questo e si impegna ogni giorno per costruirlo.
Le esperienze di ogni giorno ci insegnano che non c’è lotta senza
allegria, e allora anche di fronte ai guai teniamo alto il morale,
continuiamo a cospirare per lottare contro il TAV,
affondiamo la forchetta nel piatto e alziamo il bicchiere per
brindare alla libertà di tutti e tutte!

…stay tuned, stay NO TAV!

NO TAV LIBERI TUTTE

EVENTO FACEBOOK

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

via volturno 37 [metro A/B | tanti notturni ]

 

sab10mag – MELT BANANA + MOMBU + PLAKKAGGIO + NO PROVE [benefit live]

  • maggio 6, 2014 16:30

melt

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

★ dal SOL LEVANTE con Ardore | da ROMA e PROVINCIA con furore ★

Concerto a sostegno del Volturno Occupato e del Comitato Lotta per la Casa MAGLIANA

con:

 

▶ MELT BANANA https://www.facebook.com/pages/Melt-Banana/192954987398661?fref=ts

▶ MOMBU
http://www.mombu.bandcamp.com/

▶ PLAKKAGGIO https://www.facebook.com/profile.php?id=112481015380&ref=ts&fref=ts

▶ NOPROVE
https://www.facebook.com/noprovehc?fref=ts

 

Durante la serata sarà presente la Birra Artigianale VALBARDATA, birra NOTAV. Col cuore alla manifestazione del 10 Maggio a Torino.

Birra della campagna “Magno, Bevo e Lotto contro stò Treno”, solidale con il movimento NOTAV e i cui ricavati vanno a sostegno delle spese legali delle imputate e degli imputati romani

Birra Saison, prodotta con farro monococco proveniente dalle terre in lotta del Terzo Valico.

CHIARA, CLAUDIO, MATTIA, NICCOLO’ – LIBER@ SUBITO!!!

 

EVENTO FB

Sottoscrizione :
5 euro
– La cucina e il bar funzioneranno a pieno regime –

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 6 # e # 7 #

  • maggio 3, 2014 00:51

STANZE56

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DOMENICA 4 MAGGIO ore 18.00

CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 6 # e # 7 #

 

“Stanze Teatrali Volturno” è il progetto che coinvolge tutte e tutti i partecipanti del bando di residenze teatrali promosso dal CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO, incentrato sulla diffusione di cultura indipendente e sulla partecipazione delle compagnie alla vita socio-politica dello spazio; basato sul concetto che ogni residenza è riappropriazione di uno spazio e di un momento necessario alla crescita personale, collettiva e culturale di chi la pratica. Non è una buona occasione, né tanto meno una vetrina, ma luogo di partecipazione, relazione e condivisione.
Al termine di ogni residenza ogni compagnia/artista presenta una dimostrazione, prova aperta o spettacolo del lavoro svolto nello spazio. Un’occasione per esprimere contenuti ed emozioni e, successivamente, discutere insieme della coltivazione e del frutto delle attività eseguite durante la residenza.

DOMENICA 4 MAGGIO ore 18.00

STANZE TEATRALI VOLTURNO # 6 # e # 7 #

LUNAIF in “AFINIDAD” e ZANFRETTA TEATRO in “IN MISERIA”

 

– LUNAIF in “AFINIDAD”

I performer LUNAIF professionisti di circo contemporaneo, condotti da Paola Silvana Resurreccion danzatrice, attrice, insegnante di danza sui trampoli e teatro danza
d’improvvisazione e Antonello Casalini, trampoliere, attore e maestro di tango argentino, raccontano in una mescolanza acrobatica e sorprendente di tecniche diverse, le mille sfumature dell’AFFINITA’ che si conquista e si perde, che si confonde e si riscopre all’interno e intorno ad una storia di coppia.

– ZANFRETTA TEATRO in “IN MISERIA”

“In Miseria” è un progetto portato avanti da Maria Luisa Usai e Irene Maiorino, due autrici e attrici. Nella residenza al Volturno Occupato sono in lavorazione due lavori: “Giulietta delli fiori” e “Madame Misère”, si tratta di due performance/spettacoli accomunati dal tema della miseria.

Giulietta delli Fiori è un monologo nato dalla vita, quella sotto i cavalcavia, vicino alla stazione, ai bordi del fiume. Davanti al degrado che anima le strade della capitale è nata l’immagine di Giulietta Delli Fiori. Di miseria, in miseria, senza compatirla né pubblicizzarla. Il testo originale parla di quella vita che scorre e passa, che vedi mentre sei seduto sull’autobus, che ascolti nelle chiacchere di tua madre che ti racconta del vicino. In questo spettacolo questa esistenza rivive, trasfigurata, resa ironica e impossibile, ma sempre vicina al marciapiede, dove siede Giulietta.

Madame Misere è un testo scritto e interperetato a quattro mani, anche quì le due protagoniste
cercano una via di fuga dalla metropoli dove tutti si accalcano e nessuno sa cosa cerca.
Le due donne si tengono compagnia nell’attesa di ritornare a casa, di ritrovare il modo e i mezzi per
tornare indietro, dalla mamma, laddove sono partite.
Entrambe vogliono abbandonare la capitale, dove prima una cercava l’oro nel Tevere e l’altra
l’amore sulla Casilina. Accecate dal luccichio di metalli e semafori rossi decidono di percorrere un
tratto di cammino insieme.

 

sottoscrizione libera
CINE TEATRO VOLTURNO OCCUPATO
via volturno,37 [metro A/B termini]